Le spese urgenti per le parti comuni anticipate dal singolo condomino.

Le spese per la manutenzione delle parti comuni dell’edificio condominiale devono essere ripartite tra tutti i condomini. Generalmente, queste spese vengo ripartite proporzionalmente alle quote millesimali di proprietà, fatta eccezione per i casi in cui non sia disciplinato diversamente da un accordo preso all’unanimità.
Può capitare che un singolo condomino per motivi di urgenza debba sostenere delle spese per le parti comuni. La Corte di Cassazione si è recentemente espressa su questa tematica. Nello specifico, alcuni condomini avevano anticipato delle spese per lavori di manutenzione straordinaria e successivamente avevano richiesto il rimborso agli altri condomini, i quali si opponevano. Nei primi due gradi di giudizio la domanda era stata rigettata in quanto non era stata provata l’urgenza, ma la Corte di Cassazione ha ribaltato il giudizio.
La Cassazione ha ribadito che il singolo condomino ha diritto al rimborso solo se riesce a dimostrare che non sarebbe stato possibile rimandare la spesa in questione senza danno o pericolo a sé, a terzi o allo spazio comune (art 1134 c.c.). E’ necessario dunque provare la necessità di agire prima di quando avrebbero potuto farlo l’amministratore o l’assemblea dei condòmini.