Immobiliare

La proposta d’acquisto immobiliare.

Pubblicato il

La proposta d’acquisto è la dichiarazione dell’acquirente di voler acquistare un certo bene a un certo prezzo. La proposta d’acquisto deve essere accompagnata normalmente dal versamento di una somma di denaro a titolo di “caparra“. Tale somma resta “bloccata” (e quindi viene sottratta alla disponibilità dell’acquirente) per tutta la durata di validità della proposta di acquisto. Nel frattempo il venditore è libero di valutare anche altre offerte. Quindi non è certo l’affare venga concluso. Nel caso si debba sottoscrivere una proposta d’acquisto è consigliabile:

  • fissare una durata la più breve possibile per la validità dell’offerta;
  • prevedere una caparra minima. Fino a quando la proposta d’acquisto non è accettata dal venditore, l’acquirente può cambiare idea, a meno che essa sia stata formulata come proposta irrevocabile per un dato periodo nel qual caso la revoca, per quel periodo, è inefficace.

Prima di sottoscrivere una proposta d’acquisto è altamente raccomandato ricevere dal venditore la documentazione dell’immobile, in particolare i documenti relativi alla provenienza (compravendita, successione…), per verificare la presenza di situazioni particolari o problematiche varie. E’ anche molto importante effettuare già in questo momento delle visure ipotecarie e catastali per verificare che l’immobile non sia gravato da ipoteche, pignoramenti, sequestri…

Se hai bisogno di aiuto nella fase di acquisto di un immobile, specie se in assenza di agenzia immobiliare, possiamo aiutarti effettuando gli opportuni controlli sull’immobile (come le visure ipotecarie) e aiutandoti nella redazione della proposta d’acquisto.